Note dall’Angola – 29 Gennaio 2019. Arte e Solidarietà a Luanda: “MENTORES” personale di Guilherme Mampuya. Luciano

4

La Galleria Tamar Golan è parte di un progetto culturale innovativo, alternativo e senza fini di lucro, che come mission vuole sostenere giovani talenti angolani emergenti nell’arte, in ogni sua forma.

I ricavati della Galleria, infatti, sono finalizzati al progetto sociale della Fondazione Arte e Cultura.

0

La Fondazione, sponsorizzaza dal grupo Mitrelli, ha come valori di base l’umanità, il rispetto delle diversità, l’etica e la trasparenza. La mission della Fondazione è promuovere l’inclusione sociale di ragazze/i, giovani e donne che attraversano momenti di vulnerabilità, aiutarle/i a costruzione il loro futuro a partire dall’educazione per l’arte e sostenere i giovani artisti all’interno di un progetto che promuove lo sviluppo culturale dell’Angola.

1816

La Galleria è creata nel 2013, anno in cui la Fondazione celebrava il suo 7° anniversario.

La Galleria ha inaugurato le arrività del 2019 con una personale dell’artista Guilherme Mampuya: “Mentores”.In questa personale, pensatala Galleria apposta per la Galleria Tamar Golam, Mampuya omaggia i classici che lo hanno ispirato.

img-20190125-wa000315a

Mampuya si definisce un artista figurativo e espressionista e considera la sua ispirazione “un processo complesso di creatività che gli nasce nella testa”. C’è chi afferma che Mampuya è il risultato della sintesi di tre grandi correnti artistiche: il cubismo di Pablo Picasso, il surrealismo di Salvator Dalì e l’arte grezza e spontanea di Jean Dubuffet. La verità è, dice l’artista “che per preparare questo evento ho rivisitato tutti i maestri che mi hanno ispirato lungo la mia crescita artistica da Michelangelo a Klimt e Haring senza escludere Malangatana e Avelino Kenga”.

17a28

Mampuya è nato a Huive, una provincia dell’Angola nel 1974.

0a

Mampuya si è laureato in Giurisprudenza nel 2000 presso l’Università di Kinshasa, ma circa due anni dopo ha iniziato abandonato la Legge e ha abbracciato le arti, entrando nel corso di pittura di base, l’Atelier di Avelino Kenga. Questa scelta “della della creatività, della follia e dell’avventura” fa sì che l’Angola perda un giurista, ma guadagna un artista che, all’età di 44 anni, è un riferimento per l’arte angolana e africana, riconosciuto in patria e all’estero.

614

 

 

Fondazione Arte e Cultura

L’arte e la cultura che contraddistinguono una società richiedono generazioni per svilupparsi ed evolversi; tuttavia, sono fragili e vulnerabili a cambiamenti irreparabili.

La Fondazione Arte e Cultura è nata quando le tradizioni del canto, dell’arte e della danza angolane hanno cominciato ad essere influenzate e contaminate dalla radio, dalla televisione e, più recentemente, da internet.

Costituita nel 2006 dal gruppo israeliano Mitrelli, la Fondazione Arte e Cultura è un’organizzazione privata senza fini di lucro il cui obiettivo è fornire sostegno sociale agli Angolani attraverso progetti culturali ed educativi, nonché aiuti umanitari e sostegno all’imprenditorialità.

La Fondazione promuove l’educazione dei bambini alla musica, alla danza e all’artigianato, e ricordando, insegnando e facendo produrre le arti tradizionali agli adulti, consente una crescita sai economica che culturale.

L’obiettivo principale è scoprire, diffondere, sostenere e promuovere le arti in Angola nei suoi vari aspetti, fornire sostegno alla comunità attraverso donazioni dirette per incoraggiare artisti locali, musicisti, gruppi di danza e centri culturali.

3diapositivo2