Saprà migliorare il sistema sanitario lo Zimbabwe post-Mugabe?

prima

In Zimbabwe il settore sanitario pubblico è il principale fornitore di servizi sanitari, insieme agli ospedali missionari e le NGO.

In anni recenti, l’indebolimento dell’economia e l’instabilità politica, hanno ridotto il finanziamento pubblico del servizio sanitario, pregiudicando le prestazioni sanitarie a tutti i livelli.

Come conseguenza lo Zimbabwe continua ad avere un’alta prevalenza di malattie prevenibili quali l’infezione da HIV, la malaria, la tubercolosi, la diarrea e le malattie dell’area materno-infantile. Cosi come alta è nel paese la percentuale di malnutrizione cronica che, come è risaputo, riduce l’aspettativa di vita in più di un terzo dei bambini.

Ovviamente, la riduzione, fino al 40% dei servizi sanitari, ha gravato maggiormente sulle aspettative di salute dei ceti più poveri.

Il settore salute del paese si trova ad affrontare molte sfide: carenza di medici e infermieri, infrastrutture obsolete, carenza di macchinari, dalle lavabiancherie alle strumentazioni per la radiologia e il laboratorio, carenza di reattivi per gli esami di laboratorio.

second

Dal 2000, si stima che tre milioni di persone, inclusi molti infermieri e medici, hanno lasciato il paese in cerca di opportunità economiche e migliori condizioni di lavoro all’estero. Il WHO ha dichiarato che nel paese ci sono solamente 1,23 operatori sanitari ogni 1.000 persone, meno della metà della necessità minima.

Nel 2008, ad esempio, il personale sanitario era talmente ridotto che un’ epidemia di colera ha provocato quattro mila morti e circa nove mila infezioni in pochi mesi.

Dopo aver sprecato bilioni di fondi pubblici, lo Zimbabwe, in tempi recenti, ha fatto affidamento ad agenzie internazionali per finanziare il servizio sanitario pubblico. USAID ha investito circa 100 milioni di dollari annualmente per rendere il servizio sanitario più accessibile alla famiglie.

Per contrastare il declino dei servizi sanitari e per seguire le direttive della World Bank, lo Zimbabwe, come altri paesi africani, ha introdotto il pagamento di un contributo per accedere ai servizi sanitari. Questa contribuzione ha determinato, spesso, una caduta della richiesta dei servizi stessi. Questi contributi, infatti, si sono trasformati in una barriera all’accesso ai servizi principalmente per i ceti poveri e per le persone vulnerabili.

Per superare questa difficolta, nuove leggi del governo hanno cercato di fornire servizi gratuiti a determinate fasce di persone (donne incinte, bambini sotto i cinque anni e anziani sopra i 65), ma, la mancanza di aiuti economici per ospedali e  cliniche da parte del governo, ne rende difficile la reale applicazione.

terza

Lo scorso novembre, Robert Mugabe, come è ormai risaputo dopo trentasette anni, ha rassegnato le dimissioni da Presidente dello Zimbabwe, lasciando in eredità ai nuovi governanti (molti dei quali, compreso il nuovo presidente, avevano governato insieme a lui il paese), politiche disastrose che hanno annullato i progressi sociali, economici e culturali raggiunti dagli zimbabwani durante i primi anni del dopo rivoluzione.

Il suo successore, precedentemente suo vice-presidente, Emmerson Mnangagwa, ha annunciato che nuove riforme arriveranno, riforme che permetteranno di ricostruire il paese e “di proteggere e promuovere i diritti della gente dello Zimbabwe” incluso il diritto alla salute.

4

Il presidente Mnangagwa, per mantenere le promesse fatte in questi giorni di adeguato finanziamento, trasformazione e miglioramento del sistema sanitario, dovrà, prima, risollevare l’economia del paese.

Per affrontare queste sfide il governo deve realizzare una stabilità economica e mettere in agenda la priorità del finanziamento al servizio sanitario pubblico ed elaborare nuove strategie per risolvere i gravi problemi di salute del paese.

Lo Zimbabwe, oggi, sta sostenendo numerose sfide, ma se Mnangagwa affronterà seriamente la sfida sanitaria e se i partner internazionali continueranno a supportare il sistema sanitario, il paese avrà modo di compiere notevoli miglioramenti.

5