Note dallo Zimbabwe – 2017 – 2 Il programma di sostegno alle cliniche compie tre anni. Luciano 16-3-2017

treanni1

Il programma di sostegno alle cliniche afferenti al Luisa Guidotti Hospital si avvia a  concludere il terzo anno di attività.

Il programma serve ad aggiornare il personale sanitario delle cliniche (infermieri e counselor) sulle nuove linee guida del Paese e del WHO; a migliorare il follow-up delle persone che vivono con l’infezione da HIV; ed a seguire gratuitamente le persone indigenti che vivono nei villaggi e che  non hanno le risorse economiche per recarsi in ospedale. Da marzo 2015, data di inizio del programma, un medico e un infermiere si recano, periodicamente,  nelle cliniche per visitare i pazienti e per supervisionare il programma di terapia antiretrovirale

Il Luisa Guidotti Hospital è l’ospedale di riferimento per le cinque cliniche (Mushimbo, Kapondoro, Kowo, Kawere, Makosa clinics) dislocate nel territorio servito dalla missione. L’organico delle cliniche prevede la presenza di infermieri e di un counselor ma non del medico.

Ogni clinica incide su una popolazione di almeno 1000 abitanti ed ha in trattamento circa 250 persone che vivono con l’infezione da HIV (rispettivamente, in totale,  circa 5000  e circa 1200 persone).

In Zimbabwe il medico si trova solamente negli ospedali governativi o privati.

Aggiornamento del personale. Come ogni anno anche quest’anno è stato organizzato un seminario (3rd HIV Workshop) per aggiornare il personale delle cliniche. Al seminario hanno partecipato un infermiere e il counselor di ogni clinica e  il personale della clinica per la terapia dell’infezione da HIV e del consultorio familiare del Luisa Guidotti Hospital.

treanni2

Il seminario, molto apprezzato dai partecipanti, è servito ad approfondire le metodologie da adottare per controllare l’aderenza alle terapie, per trattare gli effetti collaterali dei farmaci, per capire quando è necessario cambiare la terapia e per ridurre al minimo i fallimenti terapeutici.

Programma di consulenza medica. Il programma consente, in primo luogo, alle persone povere di essere visitate gratuitamente da un medico (in ospedale per ogni visita si pagano da 3 a 5 dollari); consente anche di risparmiare il costo del trasporto (andare in ospedale costa da due a otto dollari americani); inoltre, poiché il programma prevede la dispensazione di farmaci, le persone possono acquistare le medicine a prezzo ridotto e  senza doversi recare in città (Mutoko) dove si trova la farmacia più vicina.

treanni3

Il programma è stato un successo e continua ad essere accettato con gratitudine soprattutto dalle persone anziane che hanno difficoltà, economiche e strutturali, a raggiungere gli ospedali.

Programma di supervisione della terapia antiretrovirale. Il programma permette alle persone che vivono con l’infezione da HIV di essere visitate da un medico.

Da circa tre anni, lo Zimbabwe ha decentralizzato la terapia antiretrovirale, per cui anche le cliniche possono iniziare e fornire la terapia. La decentralizzazione se da un lato ha consentito alle persone di procurarsi il farmaco con più facilità (le cliniche possono essere raggiunte a piedi), dall’altro non garantisce alle persone in trattamento di accedere al consulto medico quando insorgono complicanze o effetti collaterale (come già detto nelle cliniche non è previsto il medico).

treanni4

Inoltre il programma di supervisione consente la formazione continua degli infermieri e dei counselor tramite la organizzazione e il controllo delle consulenze di gruppo;  riunire le persone in gruppo permette non soltanto di fornire informazioni  su virus/infezione/malattia, su abbandoni della terapia, su aderenza alla terapia, su nutrizione adeguata, su controlli ematologici periodici, su infezioni a trasmissione sessuale e pratiche di sesso sicuro ma anche di scambiare e conoscere le singole  esperienze dei pazienti.

Fra le cliniche e il Luisa Guidotti Hospital  è stato raggiunto un accordo per cui le persone in trattamento presso le cliniche possono effettuare nel laboratorio dell’ospedale la conta dei CD4, emocromo, creatinina, azotemia, transaminasi, fosfatasi alcalina, colesterolo e trigliceridi pagando 6 USD invece di  54/102 USD (dipende se laboratorio pubblico o privato).

Il progetto è sostenuto dalla LILA di Catania all’interno del

Progetto Susy Costanzo – Diamo vite all’Africa.

aprogramma                treanni5